Quelle volte che…

L’uomo attendeva davanti al portone accanto ad una carrozzina.
Non appena arrivai e scesi per dare aiuto mi salutò, intanto che con la mano toccò appena la spalla della ragazza seduta sulla carrozzina. Aveva un viso sereno, vispo. Ed era molto bella.
Essendo immobile dalla cintola in giù dovette sollevarsi da sola, aggrapparsi tra montante e sportello del Taxi fino ad accomodarsi sul sedile posteriore.
Ci impiegò un attimo.
Il padre, (presumo lo fosse), non le diede aiuto, quindi anch’io non intervenni.
Il viaggio si svolse con uno scambio di opinioni generali.
Avevo da imparare.
Avevo da imparare dai modi, dai pensieri, dai loro sorrisi, dalla saggezza serena ma viva nell’ esprimer pareri.
Avrei dovuto assorbire fin dentro il profondo della mia anima, per riscoprirlo tutte quelle volte che m‘incazzo a vanvera.

Sedia A Rotelle, Engel, Disabili

Se la lettura è stata di tuo gradimento, manifestaci il tuo apprezzamento cliccando sulla quinta stellina vicino al bollino blu, e condividendo la pagina con le tue amiche e amici. Grazie!

Pubblicato da Torino da Scoprire

Un filo conduttore unisce informazioni d’interesse turistico a quelle per la quotidiana utilità regionale e cittadina, proponendo tramite finestre virtuali: suggerimenti, aneddoti, curiosità. Di pari una finestra farà breccia sul Mondo, l’altra, la principale, collegherà a Voi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...