Il Re del Mondo

Tempo fa…Da un gruppetto con diversi energumeni di colore il più energumene si allontanò per venire verso il mio Taxi.
Mi trovavo presso il parcheggio “stazione Dora”, in piazza Baldissera.
Durante l’ultimo decennio quella zona aveva ricevuto un netto stravolgimento strutturale, irriconoscibile.
Il solo elemento al momento invariato era lo spaccio e la presenza di locali notturni che davano il giro.
Quando il nero salì sopra il taxi, lo stavo giusto osservando. Poteva andar bene per un film di Quentin Tarantino. E non nella parte del buono.
” Portami a Porta Palazzo ” disse.
Fuori il sole a palla picchiava duro, ma non c’era afa.
” Fa caldo oggi..col sole che c’è ci si abbronza… “
Dissi io, non appena ci avviammo.
Egli allungò il suo braccio sopra la mia spalla e con un sorriso trasbordante, di quelli a tutto tondo, che in gran parte dei neri viene naturale, disse:
” Vedi amico, io sono abbronzato alla grande..Hahaha “
Era nerissimo. Carbone. Aggiunsi, cambiando quasi argomento..:
” Lo conosci tu Cassius Clay? Quello che è morto un paio di settimane fa? Il mito, il pugile nero degli anni ’60 ’70..il più forte di tutti i tempi…”
Lui mi guardò con un espressione come a pensare … “Cazzo dice questo…chi lo conosce quel Cazzius..”.
Così continuai..
” Si faceva chiamare Muhammad Ali..il più grande..”
A quel punto quei suoi enormi occhi presero a brillare, dal suo sorriso divenuto completo, spiccavano denti luminosi come pale d’avorio. Disse estasiato..
” Si si si lo conosco!! Forte!! Grande!! Il più grande!!! Un mito..waww..il mio Idolo!! “
A quel punto lo stoppai, anch’io esaltato .
” No, no no amico, non è il tuo idolo!! Clay o Muhammad Ali è il mio Idolo…E voglio abbronzarmi per diventare come lui..”
Il tizio continuò ad acclamare Alì, a sorridere e a simpatizzare con me.
Aggiunsi
” Vedi, al suo funerale, qualche settimana fa c’erano tutti. Ma proprio Tutti!!. Presidenti di ogni stato e religione. Bianchi Neri Gialli Rossi… Alì e’ stato un uomo benvoluto da tutti. “
Il ragazzo di colore, dopo aver pagato, mi allungò “un cinque”, quindi scese dal Taxi.
Eravamo arrivati a Porta Palazzo e non l’avevo mai trovata così bella.

New York, Ny, Taxi, Città, Stati Uniti, Manhattan

Pubblicato da Torino da Scoprire

Un filo conduttore unisce informazioni d’interesse turistico a quelle per la quotidiana utilità regionale e cittadina, proponendo tramite finestre virtuali: suggerimenti, aneddoti, curiosità. Di pari una finestra farà breccia sul Mondo, l’altra, la principale, collegherà a Voi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...